Oltre l’arte

Oltre l’arte

 

“Voglio toccare le persone con il mio cuore. Voglio che dicano “È profondo.”.”

Ecco ciò che Vincent Van Gogh scriveva a proposito della sua aspirazione in quanto pittore.

È oggi definito dai critici come il vero anticipatore dell’arte moderna, oltre a uno dei pittori più importanti della sua generazione. Grazie al successo ottenuto nei decenni successivi alla sua morte, diverrà il Van Gogh dei Girasoli e della Notte Stellata, noto anche a colo che non hanno mai assaporato l’arte.

Purtroppo il suo obiettivo, analogo alla maggior parte degli artisti, viene spesso messo in secondo piano o talvolta addirittura dimenticato: infatti si tende a dare troppa importanza alla bellezza dell’opera per come appare e non per quello che dovrebbe suscitare.

Ma nonostante ciò, bisogna ricordarsi che, prima di venir considerato uno dei pittori più importanti della sua generazione, era niente meno che un uomo umile, con una personalità piuttosto irrequieta, determinato a voler trasmettere emozioni e pensieri e a lasciare un segno di se stesso nell’animo delle persone, utilizzando la sua vera passione: la pittura.

Perciò l’arte in generale non è nient’altro che un elegante e alternativo mezzo di comunicazione, un modo di esprimere e trasmettere pensieri a chiunque; nel caso della pittura attraverso una tela e delle pennellate di colore.

Per questo motivo, non sono sufficienti degli sguardi fugaci alle opere per capire quello che l’artista vuole trasmettere: la vera essenza, il vero significato e il vero messaggio che è nascosto dalla parte esteriore, mimetizzato tra giochi di colori, luci e forme.

Guardare non basta, tanto meno osservare attentamente ogni angolo: occorre spingersi ben oltre, cercare di capire cosa sta dietro ogni dettaglio ed è qui che entrano in gioco la mente e il cuore di ognuno, l’esperienza personale e le emozioni intime che permettono di risolvere l’enigma, lasciando dentro ciascuno le soluzioni, ovvero quello che l’artista voleva trasmettere per toccare le persone con il suo cuore e far provare loro quel senso di profondità.

di Giulia Chiesa

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi